7. Recesso del socio di srl, liquidazione della partecipazione con utilizzo di riserve disponibili e conseguente modifica del valore nominale delle partecipazioni degli altri soci

La modifica del valore nominale delle partecipazioni dei soci di srl a seguito del recesso di un socio e liquidazione della relativa partecipazione con utilizzo di riserve disponibili della società - con conseguente "accrescimento" delle partecipazioni degli altri soci - non è evento tipico soggetto ad iscrizione (o anche solo deposito) nel Registro delle Imprese.

Infatti il sistema prevede il deposito e l'iscrizione nel Registro delle Imprese - attraverso una forma di pubblicità nominativa - unicamente per gli  atti di trasferimento delle partecipazioni. Il ricordato "accrescimento" è invece effetto automatico di un fatto (liquidazione con utilizzo di riserve disponibili) che non presuppone alcun trasferimento né deve essere accertato con un atto, tanto meno notarile.

Giova inoltre ricordare che il sistema non impone l'aggiornamento di tale pubblicità nominativa neppure in relazione ad altri atti ed eventi che possono comunque determinare una modifica della compagine sociale (sottoscrizioni di aumenti di capitale, fusioni, scissioni ...).

Infine si può rilevare che non è nemmeno richiesto il deposito di un "elenco soci" aggiornato ogni volta che cambia l'assetto proprietario della s.r.l. ma unicamente in concomitanza con il deposito del bilancio (art. 2478-bis c.c.).

La modifica delle partecipazioni dei soci, rimasti in società, a seguito del recesso, può quindi essere iscritta a libro soci senza alcun deposito preventivo nel Registro delle Imprese; in caso di volontà di aggiornamento delle risultanze del Registro delle Imprese potrà essere valutata la possibilità di accettare il deposito di un "elenco soci" aggiornato, supportato da estratto del libro soci stesso.


Massima approvata dall'Osservatorio sulla riforma del diritto societario in data 15 marzo 2006