Organo di controllo e revisione legale dei conti nella s.r.l. (art. 2477 c.c., modificato dal d.l. 5/2012) [3 aprile 2012]

In base all'attuale formulazione dell'art. 2477 c.c. - come da ultimo modificato dall'art. 35 d.l. 5/2012, convertito dalla legge 35/2012, in vigore dal giorno 10 febbraio 2012 - il regime legale dei controlli nella s.r.l., in mancanza di diverse previsioni statutarie, è da intendersi nel senso che sia la funzione di controllo di gestione (ex art. 2403 c.c.) sia la funzione di revisione legale dei conti (ex art. 14 d.lgs. 39/2010) sono attribuite ad un unico organo monocratico, genericamente individuato con la locuzione "organo di controllo o revisore".

Si ritiene che l'organo monocratico investito della funzione di controllo e della funzione di revisione possa essere sia un revisore legale dei conti persona fisica, sia una società di revisione legale, iscritti nell'apposito registro. E' pertanto legittima la clausola statutaria che espressamente preveda tale facoltà.

L'autonomia statutaria, rispetto a quanto disposto dal regime legale, può inoltre prevedere le seguenti "varianti" convenzionali:

(a) può prevedere che le funzioni di controllo e di revisione siano svolte anche in via facoltativa, fuori dai casi in cui esse sono obbligatorie per legge, oppure può renderle obbligatorie anche oltre a tale ambito;

(b) può prevedere che le funzioni di controllo e di revisione, anziché ad un organo monocratico, siano affidate a un organo collegiale (collegio sindacale), per la composizione e il funzionamento del quale si applicano le norme dettate in tema di s.p.a.;

(c) può prevedere che le funzioni di controllo e di revisione, anziché cumulativamente al medesimo organo, siano affidate separatamente, attribuendo, da un lato, la funzione di controllo all'organo di controllo (sindaco unico o collegio sindacale), e, dall'altro, la funzione di revisione ad un revisore (persona fisica o società di revisione);

(d) può prevedere che le scelte di cui ai due punti precedenti siano effettuate di volta in volta con decisione dei soci, senza modificazione statutaria.

La nuova formulazione del primo comma dell'art. 2477 c.c., là dove stabilisce che "Se lo statuto non dispone diversamente, l'organo di controllo è costituito da un solo membro effettivo", impone un esame caso per caso degli statuti sociali, al fine di verificare se debba intendersi derogato il regime legale, impedendo così la nomina di un organo monocratico in mancanza di una preventiva modificazione dello statuto.

MOTIVAZIONE

1. - L'art. 35, d.l. 5/2012, convertito dalla legge 35/2012, ha modificato per la seconda volta, nello spazio di qualche mese, la disciplina del collegio sindacale e dei controlli nelle s.r.l. e nelle s.p.a., la cui novella di fine 2011 - ad opera dell'art. 14, comma 13, l. 183/2011- era stata oggetto di interpretazione nella precedente massima n. 123, che viene pertanto sostituita dalla presente.

In ordine alle s.r.l., il nuovo art. 2477 c.c., rubricato Sindaco e revisione legale dei conti, così dispone:

«[1] L'atto costitutivo può prevedere, determinandone le competenze e poteri, ivi compresa la revisione legale dei conti, la nomina di un organo di controllo o di un revisore. Se lo statuto non dispone diversamente, l'organo di controllo è costituito da un solo membro effettivo.

[2] La nomina dell'organo di controllo o del revisore è obbligatoria se il capitale sociale non è inferiore a quello minimo stabilito per le società per azioni.

[3] La nomina dell'organo di controllo o del revisore è altresì obbligatoria se la società:

a) è tenuta alla redazione del bilancio consolidato;

b) controlla una società obbligata alla revisione legale dei conti;

c) per due esercizi consecutivi ha superato due dei limiti indicati dal primo comma dell'articolo 2435-bis.

[4] L'obbligo di nomina dell'organo di controllo o del revisore di cui alla lettera c) del terzo comma cessa se, per due esercizi consecutivi, i predetti limiti non vengono superati.

[5] Nel caso di nomina di un organo di controllo, anche monocratico, si applicano le disposizioni sul collegio sindacale previste per le società per azioni.

[6] L'assemblea che approva il bilancio in cui vengono superati i limiti indicati al secondo e terzo comma deve provvedere, entro trenta giorni, alla nomina dell'organo di controllo o del revisore. Se l'assemblea non provvede, alla nomina provvede il tribunale su richiesta di qualsiasi soggetto interessato» (numerazione aggiunta).

In ordine alle s.p.a., invece, è stato abrogato l'ultimo comma dell'art. 2397 c.c., introdotto ex novo dalla legge 183/2011, che aveva il seguente tenore letterale: «Per le società aventi ricavi o patrimonio netto inferiori a 1 milione di euro lo statuto può prevedere che l'organo di controllo sia composto da un sindaco unico, scelto tra i revisori legali iscritti nell'apposito registro». La norma, pertanto, è stata in vigore dal giorno 1 gennaio 2012 (entrata in vigore della legge 183/2011) al giorno 7 aprile 2010 (entrata in vigore della legge 35/2012, che ha convertito il d.l. 5/2012, prevedendo, in sede di conversione, l'abrogazione dell'ultimo comma dell'art. 2397 c.c.).

2. - Il sistema dei controlli nella s.r.l. mantiene la medesima impostazione anche dopo l'ultima novella legislativa. La disciplina generale, applicabile in via di principio a tutte le s.r.l., non contempla alcuna funzione di controllo, né per quanto riguarda il controllo di cui all'art. 2403 c.c. (che per brevità chiameremo "controllo di gestione"), né per quanto riguarda la revisione legale dei conti ai sensi dell'art. 2409-bis c.c. e dell'art. 14 d.lgs. 39/2010. Solo per le s.r.l. che presentano le caratteristiche descritte dal secondo e dal terzo comma dell'art. 2477 c.c. - rimaste invariate anche nell'ultima versione della norma - diviene obbligatoria l'attivazione delle funzioni di controllo.

La novità che si riscontra nel testo attualmente in vigore dell'art. 2477 c.c. consiste invero nell'obbligo scaturente dal ricorrere delle condizioni ora ricordate, che ha ora ad oggetto "la nomina dell'organo di controllo o del revisore". L'obbligo della nomina è preceduto dal nuovo primo comma, in forza del quale lo statuto, nel prevedere (in via facoltativa) la nomina di un organo di controllo o di un revisore, ne determina "le competenze e poteri, ivi compresa la revisione legale dei conti", con l'ulteriore precisazione che, se lo statuto non dispone diversamente, l'organo di controllo è costituito da "un solo membro effettivo". A ciò si aggiunge il disposto del successivo quinto comma, a mente del quale "nel caso di nomina di un organo di controllo, anche monocratico, si applicano le disposizioni sul collegio sindacale previste per le società per azioni".

Su queste basi occorre pertanto ricostruire il regime legale dei controlli nella s.r.l., come tale applicabile anche in mancanza di alcuna clausola statutaria che disciplini tale aspetto.

Se possono dirsi sufficientemente chiari i presupposti che rendono obbligatori i controlli, altrettanto non può dirsi per le funzioni di controllo che devono essere svolte allorché siano verificati tali presupposti. In particolare, non è agevole stabilire con certezza quali siano i compiti dell'organo di controllo o del revisore, la cui nomina costituirebbe un'alternativa rimessa alla società anche nelle ipotesi di controllo obbligatorio. Per un verso, le funzioni dell'organo di controllo - che nel regime legale è rappresentato dal c.d. "sindaco unico" - dovrebbero ricavarsi, in virtù dell'espresso rinvio poc'anzi ricordato, dall'art. 2403 c.c., il quale stabilisce le funzioni dell'organo di controllo nella s.p.a., senza attribuire al medesimo la revisione legale dei conti. Per altro verso, le funzioni del revisore, pur in mancanza di alcun esplicito rinvio, dovrebbero ricavarsi dal d.lgs. 39/2010 (in particolare dall'art. 14), che contiene la disciplina generale della revisione legale dei conti.

Detto ciò, si possono astrattamente configurare (almeno) tre diverse opzioni ricostruttive: (i) la prima di esse fa leva esclusivamente sul tenore letterale delle norme sin qui richiamate: la nomina del sindaco unico o del revisore è alternativa, così come alternative sono le loro funzioni, nel senso che, se viene nominato un sindaco unico, ad esso compete esclusivamente il controllo di gestione di cui all'art. 2403 c.c., mentre, se viene nominato un revisore, ad esso spetta unicamente la revisione legale dei conti ai sensi del d.lgs. 39/2010; (ii) la seconda tesi interpretativa, invece, ferma restando l'alternatività della nomina, interviene sulle funzioni del sindaco unico, attribuendogli non solo il controllo di gestione, tramite il rinvio operato dall'art. 2477, comma 5, c.c., bensì anche la revisione legale dei conti, rendendo obbligatorio ciò che nel collegio sindacale della s.p.a. è solo eventuale, facoltativo e subordinato ad un'espressa clausola statutaria, ai sensi dell'art. 2409-bis, comma 2, c.c.; (iii) la terza opzione, infine, è nel senso di ritenere equivalenti le funzioni del sindaco unico (che deve necessariamente essere iscritto nel registro dei revisori) e del revisore, attribuendo all'uno e all'altro sia il controllo di gestione ai sensi dell'art. 2403 c.c., sia la revisione legale dei conti ai sensi del d.lgs. 39/2010.

A favore della tesi da ultimo esposta - accolta dalla massima in epigrafe, pur in un quadro di indubbia e oggettiva incertezza - militano diversi argomenti. Il tenore letterale del primo comma dell'art. 2477 c.c., anzitutto, lascia pensare ad un organo monocratico che, al di là della denominazione (in tal senso utilizzata promiscuamente anche dal legislatore), abbia e possa avere ampi poteri di controllo "ivi compresa la revisione legale dei conti": la norma è infatti riferita sia all'organo di controllo sia al revisore, di guisa da poter ritenere che i poteri dell'uno e dell'altro possano contemplare tanto il controllo di gestione, quanto la revisione legale dei conti (che per l'appunto è "ivi compresa").

Dal punto di vista funzionale, inoltre, non è facile dare una spiegazione razionale ad un sistema che - nelle ipotesi di controllo obbligatorio - ritenga idonea e sufficiente l'una o l'altra funzione di controllo, a scelta della società, sebbene esse abbiano contenuti e finalità ben diversi tra loro, certamente complementari e non già alternativi. Ciò diviene ancor più difficilmente spiegabile allorché si pone mente al fatto che tale regime alternativo e discrezionale riguarderebbe un novero comunque ristretto di s.r.l., inferiore al 5% del numero totale delle s.r.l. ed inferiore anche al numero complessivo delle s.p.a.

In presenza dei presupposti che rendono obbligatori i controlli anche nella s.r.l., in altre parole, non si giustifica la facoltà di una scelta discrezionale da parte della società, nel senso di attivare alternativamente l'una e non l'altra funzione di controllo, in base ad una scelta che, oltretutto, potrebbe anche essere mutevole da un triennio all'altro. Un così radicale mutamento nel sistema dei controlli obbligatori delle società di capitali, del resto, risulterebbe difficilmente argomentabile sulla base della (comunque non inequivoca) formulazione della nuova norma, dovendosi invero dar rilievo a canoni interpretativi di natura sistematica e funzionale, che inducono ad attribuirle il significato descritto nella terza delle tesi sopra esposte.

Anche la tesi sub (ii), del resto, riscostruisce il regime legale dei controlli della s.r.l. in modo diverso da quanto sembrerebbe risultare dalla lettera della legge. Essa infatti finisce per attribuire all'organo di controllo - ossia al sindaco unico, in mancanza di diversa previsione statutaria - una funzione che dalla legge non deriva espressamente. Se infatti è vero che il collegio sindacale nel regime legale della s.p.a. esercita solo il controllo di gestione e se è parimenti vero che al sindaco unico della s.r.l. si applicano le norme della s.p.a., ne dovrebbe conseguire che le sue funzioni, nel regime legale della s.r.l., non contemplano la revisione legale dei conti, bensì solo il controllo di gestione. A favore di quest'altra lettura "ortopedica" del nuovo art. 2477 c.c. militerebbe invero la constatazione che, nelle ipotesi di controllo obbligatorio, difficilmente si può ritenere superflua e facoltativa la revisione legale dei conti, la cui funzione si colloca "al di fuori" del tipo sociale e a prescindere dal modello organizzativo dell'impresa. In quanto disciplina "dell'impresa" e non "della società", in altre parole, la revisione rappresenterebbe un controllo irrinunciabile, una volta superate determinate soglie di dimensione o rilevanza dell'impresa.

Tuttavia, secondo questa interpretazione, i controlli di gestione, in quanto controlli "interni", diverrebbero del tutto facoltativi, anche per le s.r.l. che superano le soglie dimensionali o di rilevanza di cui all'art. 2477, commi 2 e 3, c.c., nella misura in cui esse possono farne a meno nominando un revisore o una società di revisione con l'incarico di svolgere la revisione legale dei conti. Una simile soluzione potrebbe forse essere giudicata condivisibile e magari persino auspicabile su un piano de iure condendo, ma non appare facilmente sostenibile sul piano dell'interpretazione dell'attuale dato normativo.

Se infatti si considera che il sindaco unico e il revisore devono essere soggetti che possiedono i medesimi requisiti (ossia l'iscrizione nell'apposito registro di cui al d.lgs. 39/2010, come si evince, per il primo, dall'art. 2397, comma 2, c.c., e, per il secondo, dall'art. 2 d.lgs. 39/2010), risulterebbe poco logico e coerente un sistema di controlli obbligatori che consente libera scelta tra le seguenti alternative: affidare a una persona fisica "revisore" la sola revisione legale dei conti oppure affidare alla medesima persona fisica "sindaco unico" sia la revisione legale dei conti, sia il controllo di gestione. Una siffatta interpretazione non darebbe luogo, a ben vedere, ad un'alternativa tra sindaco unico e revisore, disconoscendo pertanto quella disgiuntiva "o" su cui si baserebbe la facoltà di scelta della funzione di controllo. Essa invero equivarrebbe a dire che la revisione è l'unico controllo sempre obbligatorio (in caso di superamento delle soglie dimensionali o di rilevanza), mentre il controllo di gestione è un controllo sempre facoltativo (anche in caso di superamento delle soglie dimensionali o di rilevanza, posto che sarebbe liberamente "evitabile" attribuendo alla persona fisica incaricata della funzione di controllo la sola qualifica di revisore).

Quanto infine alla tesi sub (iii), essa ha il pregio dell'aderenza al dato letterale. La società, in presenza delle condizioni di controllo obbligatorio ai sensi del secondo o del terzo comma dell'art. 2477 c.c., nomina un sindaco unico (tale essendo l'organo di controllo in mancanza di diversa previsione statutaria) oppure un revisore. Se la società sceglie di nominare un sindaco unico, si applicano le norme del collegio sindacale delle s.p.a. e pertanto il sindaco unico svolge solo la funzione di controllo di gestione (art. 2430 c.c.). Se invece la società sceglie di nominare un revisore, si applicano le norme in tema di revisione legale dei conti ed egli svolge solo la funzione di revisione legale (d.lgs. 39/2010).

Siffatta interpretazione, tuttavia, per quanto aderente al dato letterale, è parsa in contrasto con significative argomentazioni di carattere sia sistematico che funzionale. Nelle situazioni in cui il legislatore - in modo più o meno condivisibile - reputa obbligatoria l'attivazione dei sistemi di controllo anche nelle s.r.l., si fatica a comprendere come possa conciliarsi tale valutazione di obbligatorietà con la totale discrezionalità nella scelta di quale controllo attivare e non solo (com'era sino ad ora e come tutt'ora è per le s.p.a.) quale soggetto o quale organo incaricare di detto controllo. Come si è già detto, ciò risulta ancor più difficile da spiegare in considerazione della significativa differenza tra le due funzioni di controllo, sia in ordine ai contenuti, sia in ordine alle finalità .

Un così radicale mutamento del sistema dei controlli obbligatori nelle s.r.l., d'altronde, è sembrata una soluzione che richiedesse un più chiaro ed inequivocabile intervento legislativo, rispetto alla novella in questione, che in vero è parsa un mero intervento "correttivo" della precedente modifica volta all'introduzione della figura del sindaco unico. Si consideri inoltre che la tesi aderente al dato letterale renderebbe ancor più difficile il coordinamento tra il regime legale dei controlli obbligatori nelle s.r.l. e le norme dettate in tema di revisione legale delle società qualificabili come "enti di interesse pubblico", di cui all'art. 16 d.lgs. 39/2010. Infatti, qualora le s.r.l. potessero scegliere tra funzione di controllo di gestione (affidata al sindaco unico) e funzione di revisione legale (affidata al revisore), verrebbe meno l'obbligo di svolgere in ogni caso la revisione legale e risulterebbe di fatto inattuato (salvo valorizzarne altrimenti la connotazione di norma speciale) il precetto dell'art. 16, comma 2, d.lgs. 39/2010, ai sensi del quale ". nelle società che controllano enti di interesse pubblico . la revisione legale non può essere esercitata dal collegio sindacale".

In conclusione, delle tre soluzioni interpretative astrattamente ipotizzabili, è parso alla Commissione che la tesi sub (iii) sia sorretta da argomentazioni più convincenti. Tuttavia, l'obiettiva incertezza del quadro normativo - così rapidamente mutato in due occasioni nel volgere di qualche mese ­- e l'assenza di prese di posizione giurisprudenziali o di orientamenti delle autorità preposte alla vigilanza e alla regolamentazione in tema di revisione legale e di controlli non consente invero di ritenere consolidata e definitiva l'interpretazione fornita con la massima in epigrafe. Essa potrà pertanto essere riconsiderata, in presenza di elementi o spunti che debbano indurre ad una rilettura della norma nel senso descritto nelle tesi alternative sub (i) o sub (ii).

3. - L'incertezza interpretativa sin qui esaminata concerne, a ben vedere,  l'individuazione dell'effettivo contenuto delle funzioni da affidare all'organo di controllo o al revisore, nei casi di controllo obbligatorio ed in mancanza di espresse clausole statutarie. La presente massima, al di là di ciò, ha come scopo la valutazione della legittimità di alcune clausole statutarie aventi ad oggetto i controlli nella s.r.l., tema che in una certa qual misura prescinde dalla questione sin qui esaminata e concerne invero il regime convenzionale dei controlli nella s.r.l.. Si può pertanto procedere con l'illustrazione e la motivazione di quanto sostenuto nella seconda parte della massima, relativamente alle clausole statutarie a disposizione dell'autonomia negoziale.

(a) Tra di esse si prende anzitutto in considerazione la clausola che espressamente affermi la possibilità che il "revisore" cui fa menzione l'art. 2477 c.c. sia una società di revisione, iscritta nell'apposito registro. Ad avviso della Commissione, siffatta possibilità rientra in ogni caso nel regime legale dei controlli, tanto nelle ipotesi in cui essi siano obbligatori, quanto in quelle di loro attivazione "facoltativa". Ciò vale, inoltre, a prescindere dalla soluzione che dovesse essere accolta in ordine alla questione del contenuto dei controlli, esaminata nel paragrafo precedente, sebbene sia plausibile ritenere che la nomina di una società di revisione quale revisore ai sensi dell'art. 2477 c.c. sia più facilmente ipotizzabile nei casi in cui lo statuto affidi separatamente le funzioni di controllo di gestione ad un sindaco o collegio sindacale, come avremo modo di vedere nel prosieguo. In altre parole, la massima vuole affermare che: (i) la funzione di revisione legale dei conti, ove separatamente attribuita al revisore in forza di apposita clausola statutaria, possa essere affidata anche ad una società di revisione; (ii) è valida anche la clausola statutaria che, in modo generico o specifico, preveda la possibilità di affidare ad una società di revisione, anziché ad un revisore persona fisica, sia la revisione legale che le funzioni di controllo di gestione, ai sensi di quanto sancito dal primo comma dell'art. 2477 c.c., ai sensi del quale "L'atto costitutivo può prevedere, determinandone le competenze e poteri, ivi compresa la revisione legale dei conti, la nomina di un organo di controllo o di un revisore".

Il che significa che non vi sono impedimenti derivanti dal diritto societario a che entrambe le funzioni di controllo siano svolte da un medesimo soggetto, vuoi persona fisica, vuoi società di revisione. In ogni caso, infatti, sia i controlli di gestione (ove affidati ad un "sindaco unico" persona fisica) sia la revisione legale (ove affidata ad un "revisore"), devono essere svolti da un soggetto iscritto nel registro dei revisori legali ai sensi del d.lgs. 39/2010. E se a tale soggetto, anche in quanto revisore, non è fatto divieto di svolgere entrambe le funzioni allorché si tratti di revisore persona fisica (com'è evidente dal sistema dei controlli sia della s.p.a. che della s.r.l.), non si ravvisa analogo divieto (né nella disciplina societaria, né nella disciplina del d.lgs. 39/2010) allorché si tratti di revisore persona giuridica.

Non si vuole con ciò affermare, ovviamente, che le società di revisione siano tenute, ove richieste dalle s.r.l., a svolgere anche la funzione di controllo, che potrebbe invero risultare in contrasto con le proprie disposizioni statutarie o con la propria policy di esecuzione delle attività di revisione o a principi di revisione che non derivino espressamente dal d.lgs. 39/2010. Né si vuole sostenere, de iure condendo, che l'affidamento di entrambe le funzioni di controllo di gestione e di revisione legale dei conti al medesimo soggetto - sia esso persona fisica o giuridica - rappresenti una soluzione coerente ed ottimale per l'attuazione del sistema dei controlli sulle società. Ci si limita, invece, come si è poc'anzi precisato, a prendere posizione sulla validità di una clausola statutaria che preveda quanto sopra illustrato.

(b) Viene inoltre presa in esame - affermandone la legittimità, com'era sostanzialmente pacifico in passato - la clausola che estende i controlli al di fuori dei casi in cui essi siano obbligatori per legge. Il che può consistere nella previsione sia della facoltà di nominare un organo di controllo o di un revisore, sia dell'obbligo (eventualmente in determinate circostanze) di effettuare tale nomina. Della legittimità di tale clausola, in entrambe le varianti ora ipotizzate, non sembra potersi dubitare, alla luce di quanto sancito dal primo comma dell'art. 2477 c.c.. Sebbene la massima non lo affermi espressamente, inoltre, deve ammettersi senza dubbio la possibilità che lo statuto preveda, per i casi di controllo non obbligatorio per legge, la possibilità di attivare solo una delle funzioni di controllo sin qui esaminate, vuoi il controllo di gestione (con i contenuti di cui all'art. 2403 c.c.), vuoi la revisione legale di conti (con i contenuti di cui al d.lgs. 39/2010).

(c) All'autonomia negoziale è inoltre attribuita la possibilità di prevedere una diversa struttura dell'organo di controllo, non già monocratico come prevede la norma suppletiva contenuta nel secondo periodo del primo comma dell'art. 2477 c.c.. Nella massima si sostiene che la clausola statutaria, nel prevedere ciò, sia vincolata alla composizione collegiale dell'organo di controllo, come previsto dalla disciplina dettata per il collegio sindacale delle s.p.a.. Si deve infatti ritenere che il rinvio operato dal quinto comma dell'art. 2477 c.c. (a mente del quale "nel caso di nomina di un organo di controllo, anche monocratico, si applicano le disposizioni sul collegio sindacale previste per le società per azioni") non abbia ad oggetto la composizione dell'organo solo qualora esso sia monocratico. Quando la società intende prevedere un organo non monocratico, l'autonomia statutaria incontra un limite nell'art. 2397, comma 1, c.c., là dove dispone che "il collegio sindacale si compone di tre o cinque membri effettivi, soci o non soci." Lo stesso sembrerebbe doversi dire per la nomina di due sindaci supplenti, da ritenersi obbligatoria qualora la composizione dell'organo di controllo non sia monocratica, bensì collegiale.

In altre parole, per quanto concerne la struttura dell'organo di controllo, l'autonomia statutaria può scegliere tra due soluzioni alternative: o il sindaco unico, senza necessità di nomina di un sindaco supplente (come già affermato nella precedente Massima n. 122, da ritenersi confermata per questo aspetto); oppure il collegio sindacale di tre o cinque membri effettivi e due membri supplenti, alla stregua di quanto previsto per le s.p.a. Tertium non datur.

La clausola statutaria prevista alla lett. (c) della massima in epigrafe - anche prescindendo da come debba ritenersi risolta la questione delle funzioni di controllo esaminata nel paragrafo precedente - comporta un sostanziale "superamento" del regime legale previsto per i casi di controllo obbligatorio, attribuendo, da un lato, la funzione di controllo di gestione all'organo di controllo (sindaco unico o collegio sindacale), e, dall'altro, la funzione di revisione ad un revisore (persona fisica o società di revisione). Siffatta allocazione delle funzioni di controllo, ipotizzabile sia nell'ambito dei casi di controllo obbligatorio, sia in quelli di controllo facoltativo, non fa altro che replicare nella s.r.l. il sistema legale applicabile nelle s.p.a., con l'unica (possibile) variante del sindaco unico al posto del collegio sindacale.

(d) Nulla osta, infine, che le scelte eventualmente consentite dalle clausole statutarie sin qui esaminate siano assunte di volta in volta dai soci, in occasione della nomina dell'organo di controllo e del revisore, senza che ciò comporti alcuna modificazione statutaria, essendo tale facoltà di scelta già contenuta e consentita dallo statuto. Nel medesimo senso la Commissione si era già espressa nella massima n. 18, in data 18 marzo 2004, sostenendo che "E' legittima, sia nella s.p.a. sia nella s.r.l., la clausola statutaria che consente all'assemblea ordinaria la scelta se affidare il controllo contabile al collegio sindacale ovvero ad un  revisore contabile o ad una società di revisione". Come si è già avuto modo di osservare, infatti, la clausola non comporta comunque l'attribuzione all'assemblea ordinaria (o alla decisione "ordinaria" dei soci di s.r.l.) del potere di determinare un radicale sovvertimento del modello organizzativo, in quanto non incide sul principio della separatezza strutturale tra funzione gestoria e funzione di controllo, come invece accadrebbe qualora si prevedesse analoga facoltà di scelta in ordine ai sistemi di amministrazione e controllo di cui all'art. 2380 c.c.

4. - In ultimo, la massima in epigrafe è tornata sulla questione relativa alla possibilità di nominare un sindaco unico in presenza di uno statuto che - oltre a non prevedere espressamente tale ipotesi - contempli esclusivamente la nomina di un collegio sindacale. Rispetto alla norma previgente, silente sul punto, l'attuale testo dell'art. 2477 c.c. stabilisce che "Se lo statuto non dispone diversamente, l'organo di controllo è costituito da un solo membro effettivo".

Di regola, pertanto, l'organo di controllo è monocratico, ma occorre stabilire, caso per caso, se la clausola statutaria non "dispone diversamente". Come già sostenuto nella precedente massima n. 123, deve certamente ritenersi quale "diversa previsione" dello statuto ogni clausola che contenga un'apposita scelta convenzionale dei soci, come avviene, a titolo di esempio, nel caso in cui la nomina di uno o più sindaci costituisca oggetto di un diritto particolare, ai sensi dell'art. 2468 c.c., o nelle ipotesi in cui la nomina dell'organo debba avvenire col sistema del voto di lista. Al di fuori di tali ipotesi, occorre verificare se lo statuto non mostri alcuna specifica volontà che possa ritenersi contraria o comunque diversa  rispetto al nuovo regime dispositivo del sindaco unico.

Nota bibliografica

In considerazione del fatto che la massima affronta questioni interpretative riguardanti norme di recentissima introduzione, sussistono poche pubblicazioni sui temi qui considerati, con riferimento all'ultima versione dell'art. 2477 c.c.; tra di esse si possono ricordare le seguenti: Assonime, Il sindaco unico nelle società di capitali e altre novità in materia di società a responsabilità limitata, Circolare n. 6 del 7 marzo 2012, inedita; Confindustria, Società di capitali. La disciplina dei controlli nelle srl dopo la legge di stabilità e il D.L. semplificazioni, Circolare n. 19510 del 6 aprile 2012, inedita; Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, Il nuovo assetto dei controlli nelle s.p.a. e nelle s.r.l. alla luce del Decreto Semplificazioni, Nota interpretativa, aprile 2012, inedita; E. Bozza - L. De Angelis, Non convince il controllo di legalità alla società di revisione, in Eutekne.Info, 25 aprile 2012, consultabile sul sito www. eutekne.info.

Sulla precedente versione dell'art. 2477 c.c. - introdotta dalla legge 183/2011 e poi modifica dall'ultima novella qui commentata - si vedano, senza pretesa di completezza: N. Abriani, Collegio sindacale e sindaco unico nella s.r.l. dopo la legge di stabilità , in corso di pubblicazione in Società , 2011, p. 1425; A. Ruotolo - F.G. Nardone, Il sindaco "unico" nella s.r.l. e nella s.p.a., studio n. 250/2011 della Commissione studi d'impresa del Consiglio nazionale del notariato (approvato il 16 dicembre 2011); M. Stella Richter jr, E pluribus unum. Riflessioni sul sindaco unico delle società di capitali, in Riv. soc., 2012, p. 173.

____________________

 

La presente Massima n. 124 sostituisce la Massima n. 123 del 6 dicembre 2011, in seguito all'emanazione della legge 35/2012 che ha convertito, con modificazioni, il d.l. 5/2012.